Vai menu di sezione

RSA

L'acronimo sta per Residenza Sanitaria Assistenziale.

E' una struttura residenziale extra ospedaliera finalizzata a fornire accoglienza, prestazioni sanitarie, tutela assistenziale e trattamenti riabilitativi per persone anziane in condizioni di non autosufficienza fisica o psichica, privi della possibilità di ottenere a domicilio gli interventi sanitari e l'assistenza necessari.

La RSA assicura le prestazioni descritte nella Carta dei servizi e previste dalle direttive per le RSA emanate dalla Provincia Autonoma di Trento. Offre in particolare prestazioni: 

a) SANITARIE: assistenza medico-generica e specialistica, assistenza infermieristica, assistenza riabilitativa, assistenza generica alla persona, fornitura di farmaci e presidi sanitari, accertamenti clinico-strumentali, servizio dietologico, trasporti sanitari.

b) ASSISTENZIALI:interventi di igiene alla persona, servizio di parrucchiere e parrucchiera, servizio di manicure e pedicure, servizio di podologia.

c) ALIMENTAZIONE

d) ATTIVITA' DI ANIMAZIONE

e) AMMINISTRATIVI

f)  LAVANDERIA E GUARDAROBA

Il servizio sanitario assicurato agli ospiti delle RSA è finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento mentre il servizio alberghiero è a loro carico. La Provincia ha previsto diversi regimi assistenziali in base alla patologia o alla gravità del bisogno assistenziale dell'Utente.

Nella RSA di Borgo Sacco sono presenti 72 posti letto RSA di base.

Nella Rsa di via Vannetti sono presenti 199 posti letto convenzionati con l'APSS così distribuiti:

153 posti letto base 2 posti letto base per ricoveri di sollievo 20 posti letto per il nucleo ad alto fabbisogno assistenziale sanitario 20 posti letto per il nucleo assistenza protetta per persone con demenza o Alzheimer 4 posti letto per il nucleo NAMIR per persone in stato vegetativo o a bassa responsività Totale posti letto 199

Accesso al Servizio

Possono accedere ai posti letto RSA convenzionati con l'APSS le persone anziane o con disabilità residenti in un comune della provincia di Trento e riconosciute in condizione di non autosufficienza e non assistibilità a domicilio dall'Unità Valutativa Multidisciplinare del Distretto Sanitario Centro Sud.

La presentazione della domanda per l'accesso alla RSA

L'accesso alla RSA - posti letto convenzionati con l'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - è definito dall'U.V.M. (Unità Valutativa Multidisciplinare) del Distretto Sanitario Centro Sud a seguito dell'accertamento della condizione di non autosufficienza.

La persona interessata al ricovero in RSA, o i suoi familiari, si rivolgono al medico curante o al servizio sociale territoriale i quali attivano la procedura di valutazione della non autosufficienza dandone comunicazione all'U.V.M. distrettuale.

L'U.V.M. attribuisce un punteggio al soggetto che entrerà a far parte di una graduatoria dinamica e rimarrà in attesa fino a quando non sarà  chiamato dall'U.V.M. stessa.

Per accedere ai posti letto RSA non convenzionati con l'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e gestiti direttamente dall'A.p.s.p. C. Vannetti, la persona interessata o i suoi familiari possono rivolgersi direttamente all'Unità  operativa "Servizi amministrativi agli Ospiti" presso la sede di via Vannetti n. 6 (sig.a Nicoletta Bertolini, U.O. Ragioneria, tel. 0464/455009 mail nicoletta.bertolini@apspvannetti.it dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00) non appena ottenuta la valutazione di non autosufficienza da parte dell'U.V.M. distrettuale.

L'accoglienza presso la RSA

La persona interessata al ricovero in RSA o i suoi familiari possono rivolgersi per informazioni e una volta ricevuta la proposta di ricovero al Servizio sociale dell'A.p.s.p. C. Vannetti (ass. soc. Lodovica Candiani, tel. 0464/455029 mail lodovica.candiani@apspvannetti.it dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 17) che programmerà un colloquio al fine di dare e raccogliere tutte le informazioni che servono a conoscere la persona ed a fornire indicazioni sui servizi offerti dalla RSA.

Tipi di inserimento e applicazione di rimborso spese

In caso di ritardato ricovero per motivi riconducibili all'utente, sarà applicato a carico dello stesso un rimborso per la prenotazione del posto RSA.

Per maggiori informazioni, consultare i documenti allegati.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Martedì, 15 Maggio 2018 - Ultima modifica: Mercoledì, 31 Ottobre 2018
torna all'inizio del contenuto